Monthly Archives: marzo 2017

FACCIAMO CHIAREZZA SU ENEL!

Nella foto potete ben capire di quale zona stiamo parlando… ma proviamo a ripercorrere tutto il percorso finora fatto in ogni suo singolo dettaglio! Prendetevi qualche minuto… informarsi sul futuro della nostra città lo merita…
Allora…

 

17523229_1352592764787468_4459794955856823375_n

– A metà del 2015 Enel lancia Futur-E. Un programma di riconversione di 23 impianti ENEL, ma soprattutto un’occasione per aprire nuove opportunità di sviluppo ai territori che li ospitano. Un progetto che prevede una serie di bandi pubblici e concorsi di idee, possibili soluzioni circolari e sostenibili e di lungo periodo in grado di trasformare queste 23 centrali in una nuova opportunità di sviluppo per il territorio.

– In data 7 settembre 2015 i consiglieri comunali Luca Salemi e Manuela Sinatra, venuti a conoscenza del bando Enel “Futur-e”, che annoverava tra le centrali elettriche da riconvertire anche quella di Termini Imerese, in accordo con tutti i deputati nazionali, regionali ed Europei del Movimento 5 Stelle inviano una lettera al presidente Enel Grieco nel quale palesano l’intenzione di avere un incontro al fine di comprendere quale sia il futuro della centrale collocata nella zona industriale della città.

– Poco dopo in data 5 ottobre i consiglieri comunali e il portavoce regionale Giampiero Trizzino incontrano i delegati Enel presso l’Assemblea Regionale Siciliana. Durante quell’incontro i delegati Enel affermano che la centrale Enel Ettore Maiorana sebbene inserita tra le 23 da dismettere non potrà mai esserlo in toto, ma che la dismissione riguarderà soltanto una piccola porzione della struttura. In particolare si tratta del gruppo “TI41” che rappresenta la parte più vecchia di tutto l’impianto. Inoltre viene evidenziato che la società Terna considera la centrale di Termini Imerese fondamentale per le esigenze di alimentazione dell’Isola. Enel tiene a precisare che nella porzione che verrà dismessa non potranno realizzarsi che altre opere industriali preso atto della ubicazione in cui si trova la struttura ma che sarebbe sicuramente assicurata la nuova mission aziendale, ovvero il rispetto assoluto di impianti ecosostenibili e il meno impattanti possibile. Vengono anche illustrati ai consiglieri comunali i progetti di riqualificazioni di altre centrali che prevedono anche lo sviluppo di centri di ricerca, poli universitari e sedi espositive e museali.

– A fine 2016 i nostri consiglieri comunali si informarono con i dirigenti comunali se fossero a conoscenza di progetti che interessassero il pontile. A domanda chiara risposero che era impensabile. Dato che nessuno aveva fatto alcun tipo di manutenzione.

– A seguito di continue voci che negli ultimi tempi facevano pensare che vi fossero interessi diversi da parte di Enel per l’area TI41, i consiglieri comunali e il deputato G. Trizzino e l’europarlamentare Ignazio Corrao riscrivono direttamente al Presidente di Enel richiedendo urgentemente un incontro in Assemblea regionale.

– Incontro che avviene con i delegati Enel in data 22 marzo 2017.
Dal nuovo incontro emerge che Enel ha già contattato più di 70 aziende che potevano essere interessate a quell’area, che di queste 70 solo 10 hanno effettuato dei sopralluoghi ma che solo una azienda locale si è resa interessata all’area dove si collocano i serbatoi ormai vuoti ed il pontile prospiciente. Tale azienda dovrebbe stoccare circa 90 mila mq di idrocarburi che, in un secondo tempo, diverrebbero, tramite un processo di additivizzazione, Biodiesel. In una prima fase l’azienda, a cui Enel venderà l’intera zona , occuperà solo i serbatoi e il trasporto degli idrocarburi avverrebbe su gomma, successivamente, a seguito di recupero e manutenzione del pontile, verranno anche coinvolte le navi cisterna.

IMPORTANTISSIMO!

I rappresentanti Enel S.P.A comunicano inoltre che avevano già in passato attivato dei contatti con la ex amministrazione Burrafato, che sapeva perfettamente del progetto di stoccaggio, ma che si è ben guardata sottolineano i consiglieri, dal comunicarlo ai cittadini. Inoltre riferiscono che avevano anche incontrato il Commissario Di Fazio e l’ufficio tecnico del Comune che però ha manifestato delle perplessità.

Noi abbiamo le idee chiare a riguardo e non intendiamo indietreggiare di un solo passo. Voi?

ps. Enel di Termini Imerese scrive:

La storia della città ha visto succedersi greci e romani, bizantini, arabi e normanni, i regni di Svevi, Angioini e Aragonesi, il dominio spagnolo e quello borbonico.

Le numerose chiese e le ville, le scalinate e le torri, i borghi e i siti archeologici raccontano al visitatore una storia che coinvolge l’area urbana e il territorio limitrofo lungo un percorso che attraversa i secoli.

Agricoltura, pesca e industria sono i volti dell’economia locale. Oltre ai prodotti tipici delle coltivazioni della provincia di Palermo, tra i quali spiccano gli agrumi, i vini e l’olivo, Termini Imerese conta anche sulla tradizione secolare della pesca talmente legata alla quotidianità popolare da essere anche ritratta lungo i secoli in dipinti, bassorilievi e monumenti funerari….

Chiaro quale deve essere il nostro futuro, no?

ENEL – SERBATOI CARBURANTI

Nei giorni scorsi il portavoce alla Regione Siciliana, Giampiero Trizzino ed i portavoce al Consiglio Comunale di Termini Imerese, Manuela Sinatra e Luca Salemi, hanno incontrato presso l’Assemblea Regionale Siciliana i rappresentanti di Enel S.p.A. Il Movimento 5 stelle non è contrario alla riconversione degli impianti Enel dismessi nell’area industriale di Termini Imerese, ma vuole vigilare affinché il percorso prospettato dall’azienda rispetti le norme in materia ambientale e di sicurezza. Intanto chiediamo un incontro urgente con i vertici dell’Irsap”. A dichiararlo è il componente della commissione Ambiente all’Ars Giampiero Trizzino a margine dell’incontro sul progetto di dismissione dei serbatoi e del pontile prospiciente l’area T-41 della zona industriale di Termini Imerese cui erano presenti tra gli altri, i portavoce M5S al Consiglio comunale del comune del Palermitano Manuela Sinatra e Luca Salemi, i rappresentanti di Enel S.p.a. ed i referenti del progetto “Futur-e”. “Dall’incontro – spiega Giampiero Trizzino – è emerso che, a detta dei rappresentanti di Enel S.p.A., la Società abbia intrapreso un percorso di riqualificazione, che prevederebbe, nella prima fase, lo stoccaggio di idrocarburi all’interno dei serbatoi già esistenti per una capacità di 90mila metri cubi ed una seconda fase di additivazione per la produzione di biodisel da parte di un’azienda privata siciliana, selezionata proprio da Enel. Per ciò che concerne il pontile, lo stesso dovrebbe essere utilizzato per trasporto e distribuzione con un ben più massiccio movimento di navi cisterna proprio dalla costa termitana, anche questo è un aspetto non secondario da valutare con attenzione” conclude Trizzino.

“A seguito dell’incontro – dice la consigliera Manuela Sinatra – rimango colpita dal cambio di indirizzo che Enel ha fatto rispetto alle prospettive palesate precedentemente per bocca dei suoi rappresentanti, i quali avevano parlato di esempi di riconversione sostenibile e virtuosa esponendo modelli di centrali trasformate in poli universitari, centri di ricerca e sedi espositive museali. Oggi invece per Termini Imerese si parla di cedere le cisterne, e il pontile, ad un’azienda esterna che li userebbe, per lo stoccaggio di circa 90 mila tonnellate di idrocarburi da destinare successivamente alla trasformazione e produzione di biodiesel. A ciò si aggiunge un ulteriore impatto di traffico su ruote che verrà poi in pochi anni completato dallo scarico sul pontile da parti di navi cisterne. Considerando che si tratta di liquidi pericolosi ed infiammabili non credo sia davvero la migliore delle soluzioni possibili per un territorio che negli anni passati ha pagato con la salute dei propri cittadini”. Punta il dito sulle responsabilità dell’Istituto per lo sviluppo delle attività produttive Irsap il consigliere Luca Salemi. “Quella che potrebbe interessare la Centrale Enel di Termini Imerese – sottolinea Salemi – rappresenta l’ennesimo svilimento del potere decisionale dei cittadini al cospetto di un ente regionale, l’Irsap che rappresenta oramai un contenitore vuoto, ma che può decidere autonomamente cosa fare del nostro territorio, senza consultare le Istituzioni locali. È ormai chiaro che la prossima amministrazione dovrà seriamente riconsiderare i rapporti con l’Istituto – conclude – insieme al prossimo governo regionale”.17554118_1350395148340563_8015111469344539487_n

Manifestazione NoEcox

Stamane si è svolta la manifestazione popolare NoEcox in Piazza Duomo. La pressione esercitata dai consiglieri 5 stelle Manuela Sinatra e Luca Salemi e  la consequenziale mobilitazione popolare hanno prodotto i loro effetti. A seguito anche del lavoro svolto in quarta commissione Ambiente  a tema Ecox presieduta dal Consigliere Sinatra, proprio oggi il Commissario Straordinario G. Di Fazio ha dato mandato all’ufficio legale del Comune di Termini Imerese di impugnare il Decreto di rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale alla ditta Ecox S.r.l., al fine di rispettare la data limite per l’opposizione al TAR fissata per il prossimo 4 Aprile.Dichiara il portavoce Salemi  :”Questa è una vittoria dei cittadini che iniziano a prendere consapevolezza degli strumenti che sono a loro disposizione per far sentire la propria voce.”  Il portavoce Sinatra aggiunge : ” Non possiamo più permettere ad altri di decidere per il nostro territorio, questo è il momento storico per fare finalmente cambiare rotta a questa città e svincolarla da chi in passato ne ha profondamente minato il destino”. Durante la manifestazione è continuata la sottoscrizione della petizione“NoEcox” che sfocerà in una seconda manifestazione presso l’Ars dove tutte le firme raccolte  verranno consegnate al Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta.

noecox 23

 

Qui il filmato :

Manifestazione NoECOX

Manifestazione No Ecox

Il Commissario Straordinario Dott. Di Fazio non ha ancora dato alcun seguito alla delibera del 20/02/2017 con la quale il Consiglio Comunale all’unanimità si era espresso contrario all’impianto Ecox nel territorio della nostra città.

I termini per presentare il ricorso al T.A.R. scadono il prossimo 4 aprile!

Riteniamo, pertanto, necessaria una mobilitazione cittadina per sollecitare l’immediata adozione degli atti conseguenti alla delibera del Consiglio Comunale.

Vi invitiamo a scendere in PIAZZA DUOMO GIOVEDÌ 23 MARZO ALLE ORE 11! Tutti insieme per far sentire la voce dell’intera comunità…

L’amministrazione prende tempo… ma Termini Imerese non ha più tempo!

mnifestazione

Aggiornamento Ecox!

Il Movimento 5 stelle di Termini Imerese ha scoperto che il dirigente regionale Mauro Verace è stato ARRESTATO!

Chi è Mauro Verace? È colui che ha firmato l’autorizzazione per ECOX, e che nella precedente conferenza di servizi aveva dichiarato davanti ai nostri consiglieri comunali che la mozione del M5S contro ECOX (votata dall’intero consiglio comunale) fosse priva di valore in quanto politica e non tecnica. Qui la notizia: http://bit.ly/2n265yW

17354789_10158495684790235_77782980_n

Sport: strumento educativo e sociale

Mercoledì 15 marzo alle ore 21 e 30 presso la sede del Movimento 5 stelle di Termini Imerese in via Pertini 6 si terrà l’incontro “Sport: strumento educativo e sociale”.

Da sempre lo SPORT è elemento di unione e socialità. Esso va necessariamente concepito all’interno di un grande progetto come vettore di valori positivi quali l’aggregazione della comunità e l’integrazione sociale.

Parteciperanno i rappresentanti di alcune ASD cittadine che si confronteranno sulle carenze strutturali , sui grandi problemi organizzativi , sull’ assenza di fondi adeguati e sulla reiterata malagestione degli spazi pubblici.

17264424_1336501493063262_4469351645674127243_n

No Ecox!!!

A seguito di delibera del 20 febbraio, con la quale il Consiglio Comunale tutto si è espresso con un netto diniego al Decreto di autorizzazione dell’AIA per l’impianto della ditta Ecox s.r.l., il Movimento 5 Stelle ha chiesto al Commissario straordinario, Dott. Di Fazio, già in data 27 febbraio, di volere comunicare le consequenziali azioni che l’amministrazione avrebbe intrapreso per rispettare la volontà del Consiglio. Comunichiamo che, ad oggi 13 marzo, nessun riscontro è stato dato alla nostra richiesta di informazioni. Conseguentemente, il nostro portavoce in Consiglio Comunale, Luca Salemi, ha sollecitato il riscontro allo stesso Commissario, considerati i tempi stringenti per la proposizione del ricorso al tribunale amministrativo e considerata la relazione negativa che anche il Dirigente del terzo settore, Arch. Nicchitta ha prodotto e che è stata trasmessa in data 27 febbraio ai consiglieri. Il portavoce Salemi, inoltre, ha chiesto al dirigente del secondo settore, Ing. Filippone, di valutare, per quanto di competenza, alla luce della relazione del collega Dirigente, le ulteriori eventuali problematiche relative al progetto Ecox ed in caso positivo di volersi rapportare con gli uffici preposti alla formulazione del ricorso. La domanda è la seguente: che sta combinando la nostra amministrazione? Per scoprirlo la nostra Portavoce Manuela Sinatra convocherà domani con estrema urgenza il commissario e i dirigenti coinvolti a partecipare in commissione ambiente, stante l’indifferibilità delle decisioni da intraprendere. A meno che qualcuno non voglia deliberatamente venir meno alla volontà dei rappresentanti dei cittadini!!!

 

fregarci

 

 

Banchetto raccolta fime NO ECOX

Domenica 12 marzo dalle 0re 11:00 al Belvedere (di fronte Vicoletto)  il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese continuerà a raccogliere le  firme per la petizione NO ECOX  . Tutti i cittadini sono invitati a partecipare per esprimere il loro dissenso e difendere il nostro territorio!

17103666_1332394453473966_279877170526887974_n

Banchetto iDAY

Il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese invita la cittadinanza tutta a partecipare,  domani DOMENICA 5 MARZO, dalle 11:00 in P.zza Duomo, al banchetto iDay, durante il quale verranno raccolte le idee per scrivere  il programma di governo della  Sicilia,  e diventare parte attiva delle proposte  con le  quali il M5S si presenterà alle prossime elezioni comunali e regionali!

Inoltre, si potrà firmare la petizione NO ECOX! Petizione che verrà successivamente consegnata durante una manifestazione (che organizzeremo) davanti all’ARS!

☆☆☆☆☆ Decidiamo insieme del nostro futuro!17155778_10155782577819688_5127009996698747934_n