Monthly Archives: luglio 2016

Il solito scandaloso PD!

Si è concluso PD-Psico-Drammada qualche ora il Consiglio Comunale, il primo dopo le dimissioni del Sindaco! Non possiamo che evidenziare l’imbarazzante presenza-assenza (scusate l’ossimoro) del PD termitano! Nessuna surroga è avvenuta, se non quella del “Coraggioso” Preti che però ha messo in atto una ridicola messa in scena. Qualche minuto dopo aver giurato si è dimesso. Giusto il tempo di sedersi negli scranni della maggioranza e spendere qui pochi minuti a far campagna elettorale. Lui, primo dei non eletti del PD e probabilmente mancato assessore! Il secondo consigliere del PD, Giuseppe Di Gesù, ha totalmente snobbato il Consiglio Comunale, mentre Cenia Alvarez ha fatto pervenire una giustificazione dal marito! Ci aspettiamo, e ci auguriamo per il bene della città, che questi giochini durino poco, perché li consideriamo una totale mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini. Il Presidente del Consiglio Comunale Dott.ssa Campagna, sempre in quota PD, non si dimette da consigliere ma pare rimetterà il mandato dal ruolo.E per concludere come non notare l’ennesimo fallimento del Segretario Cittadino del PD Angelo Cascino! Dopo avere invitato i “suoi” Consiglieri a dimettersi, dopo averne perso uno all’inizio per un’indagine per voto di scambio, oggi tuona contro il Presidente del Consiglio Comunale colpevole di avere fatto votare la delibera del M5S su l’uscita del Comune da Himera Sviluppo! Lui che ne era fino a ieri Presidente!!! Speriamo che questi mesi volino… sarà un piacere accompagnare questa gente fuori dalle istituzioni.

EMERGENZA RIFIUTI, IL PREFETTO ATTENZIONI TERMINI IMERESE

Oggi i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Terminini Imerese , notevolmente preoccupati per lo stato igienico sanitario in cui versa la città  a causa della reiterata mancata raccolta dei rifiuti hanno inoltrato una lettera al Prefetto.

Ecco il testo della lettera: 

 

Alla Cortese attenzione della Spett.le Prefetto – Dott.ssa Antonella De Miro

 

Oggetto: Emergenza Rifiuti Termini Imerese.

 

Sua Eccellenza, da oltre un mese l’intera regione è in uno stato di emergenza con riferimento alla gestione del ciclo dei rifiuti. Le ordinanze del Presidente della Regione, in accordo col Ministero dell’ambiente ai sensi dell’art. 191 comma 4 del d.lgs. 152/2006, b. 5/rif. e ss. testimoniano una grave problematica di programmazione regionale con impianti insufficienti e raccolta differenziata al palo. La situazione, preoccupante in buona parte dei Comuni, assume risvolti drammatici nel territorio di Termini Imerese.

Come Lei, certamente saprà, il Comune si trova in una delicata fase politica e amministrativa date le dimissioni del Sindaco Salvatore Burrafato, giunte ufficialmente giorno 12 luglio 2016.

Questa particolare situazione politica e amministrativa sta generando una mancanza di direttive all’interno dell’amministrazione. I risultati di tutto ciò sono testimoniati dalla copiosa documentazione fotografica che le alleghiamo. L’ordine e l’igiene pubblica sono messe a rischio da tali infelici circostanze. La città si ritrova in uno stato di assoluta emergenza.  Pertanto, confidando nella Sua attenzione, Le chiediamo di convocare immediatamente l’Amministrazione comunale di Termini Imerese al fine di verificare le soluzioni da intraprendere per risolvere questa emergenza.

Distinti Saluti,

Luca Salemi (Consigliere Comunale Termini Imerese)

Manuela Sinatra (Co13707559_1030119983702730_2464267381668147927_nnsiglieri Comunale Termini Imerese)

 

Quando la nave affonda i topi scappano

Apprendiamo dalla Presidenza del Consiglio che i consiglieri Sacco , Longo e Urbano si sono dimessi . Dimissioni motivate nel caso del consigliere Longo come mancanza di rappresentanza democratica al sopraggiungere del commissario . Ci domandiamo se una città governata fino ad ieri da una maggioranza dove il PD occupava ben 4 seggi possa permettersi tali scelte. Patiamo già la presenza di un commissario per il mancato bilancio , adesso ne arriverà uno che sostituirà la Giunta , le eventuali surroghe bloccheranno ulteriormente l’attività consiliare. Dimettetevi pure ma non crediate che questo possa giovare a voi stessi o al partito che oggi ancora rappresentate.
Il PD deve prendersi le responsabilità di questo clamoroso fallimento. Dimettersi dopo le dimissioni del Sindaco non ha alcun peso. Attendiamo il Commissario che verrà nominato da Crocetta e Lumia e intendiamo seguire il suo percorso fino alle prossime elezioni! Dimettetevi pure ma non crediate che questo possa giovare a voi stessi o al partito che oggi ancora rappresentate.12278909_966898570023558_5045202636474538603_n

Comunicato stampa dimissioni

12278909_966898570023558_5045202636474538603_nIl Movimento 5 Stelle di Termini Imerese ha appreso dagli organi di stampa che il Primo Cittadino ha rassegnato ufficialmente le dimissioni da Sindaco di Termini Imerese, a seguito delle indagini per peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio. Nulla di eccezionale, ma un atto dovuto, per un Amministratore che viene raggiunto da tali accuse. Quello che sorprende è la presa di posizione della segreteria cittadina del Partito Democratico, che alle scorse elezioni ha confermato la candidatura di Burrafato senza passare dalle primarie e che ha festeggiato sonoramente la sua riconferma, ma che adesso lo scarica, auspicando le dimissioni dei Consiglieri Comunali del PD. Un metodo antico per ripulirsi la coscienza, col rischio che il Consiglio Comunale decada anch’esso e che i cittadini non abbiano, per il periodo di commissariamento, i loro portavoce nelle Istituzioni. I portavoce, Luca Salemi e Manuela Sinatra, del Movimento 5 Stelle non si dimetteranno e completeranno il mandato che i cittadini hanno ritenuto di conferire loro. Ripresentarsi tra qualche tempo come “il nuovo” non servirà a nulla. I cittadini conoscono bene i responsabili della situazione drammatica che sta attraversando la città. E se ne ricorderanno.

Obbligo di firma per il sindaco Burrafato! Lui annuncia le dimissioni!

“Le dimissioni del Sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato accusato di truffa e peculato non sono certamente il migliore biglietto da visita per una comunità che meriterebbe di stare sui giornali per i mille punti di forza della città, non certamente per tristi vicende politiche”. Ad affermarlo sono i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle termitano Luca Salemi e Manuela Sinatra, già autori in questi anni di numerose segnalazioni agli organi competenti sull’ amministrazione Burrafato “A Burrafato – dicono dal gruppo consiliare M5S – non contestiamo l’ultima vicenda che lo vede protagonista, compito che spetta agli organi inquirenti, quello che però ci preme sottolineare è lo stato di immobilismo più volte denunciato durante i consigli comunali di una amministrazione che non ha messo sul tavolo misure concrete per lo sviluppo ed il rilancio della città.”“Meno di un anno fa, ricorda il consigliere Sinatra, ho chiesto in consiglio comunale a nome del movimento 5 stelle le dimissioni del Sindaco, che da anni, ovvero fin dal suo primo mandato, non presentava neanche la relazione annuale . Ho elencato punto per punto tutto quello che era stato promesso in campagna elettorale e mai portato a termine in ben 6 anni di mandato. Mai ho colto, in questi due anni che mi hanno vista ricoprire il ruolo di consigliere,nelle risposte del primo cittadino un minimo di umiltà e mai un ” mea culpa” , anche se in campagna elettorale dichiarava di essere stato impossibilitato nella risoluzione di alcuni problemi perché “aveva le mani legate a causa di accordi preelettorali”.Aggiunge il consigliere Salemi:” Probabilmente gli annunci di campagna elettorale e gli sponsor politici di alto rango di cui beneficia Burrafato sono la cartina di tornasole di una parte politica, che ha come cardine della propria attività istituzionale interessi diversi da quelli dei cittadini. In Sicilia abbiamo esempi virtuosi di come, nonostante le difficoltà ereditate da decenni di malversazioni, parliamo, ovviamente, delle città a guida M5S, da Ragusa alla vicina Bagheria, i nostri sindaci nonostante le imposizioni della Regione Siciliana hanno stravolto ad esempio il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Dopo 7 anni Burrafato ha dichiarato che è diventato troppo difficile amministrare una città come Termini Imerese. Probabilmente è diventata una città difficile anche a causa dei danni creati dalle sue amministrazione e dal governo regionale che lo ha sostenuto sino ad oggi. Burrafato e soci, tolgano quindi il disturbo, lasciando ai termitani la possibilità di voltare pagina. M5S è una forza di governo e un esempio di positivo modello amministrativo”.

12278909_966898570023558_5045202636474538603_n