Monthly Archives: aprile 2016

Zitti tutti, pagare e sorridere! Tari 2016

Entro il 30 Aprile del 2016 deve essere approvata la TARI , ovvero la tassa sui rifiuti e pertanto i consiglieri comunali sono stati chiamati urgentemente giorno 29 per un consiglio comunale fissato alle ore 11,00. L’Amministrazione ha trasmesso i documenti relativi al piano finanziario e al nuovo regolamento TARI per l’anno 2016 – che prevede l’eliminazione degli sgravi per le fasce più deboli – soltanto il 26 di aprile. In commissione bilancio, congiunta con la commissione regolamenti, non era presente nessun dirigente e nessun rappresentante dell’Amministrazione pertanto non è stato possibile per noi consiglieri porre quesiti in merito ai documenti trasmessi.
L’attività del consigliere comunale viene quindi continuamente mortificata da questa Amministrazione, incapace di rispettare , come sempre , i termini di legge e che sicuramente ribadirà, a sua discolpa, che anche in altri comuni avviene lo stesso
Poniamo in evidenza che l’ammontare della Tari è aumentata rispetto allo scorso anno e che non è possibile eseguire alcuna verifica in merito alle cifre riportate sul piano finanziario, dati i tempi strettissimi concessi a noi consiglieri.
Inoltre, a sole 48 ore dal consiglio ci è stata comunicata l’assenza del Presidente del Revisore dei Conti in sede consiliare e così ci viene inibita la presentazione di qualsiasi emendamento a favore delle fasce più deboli e dei cittadini virtuosi che attuano una differenziata spinta, nonché la buona pratica del compostaggio domestico .
Riteniamo infine che vista la convocazione d’urgenza del consiglio comunale sarebbe stato opportuno concordare almeno l’orario del consiglio al fine di permettere a tutte le forze politiche di essere presenti e evitare le assenze per motivi professionali come peraltro nel nostro caso.
Tuttavia specifichiamo che anche nell’eventualità che fossimo riuscitI a partecipare, date le premesse, non avremmo avuto nessuna possibilità di modificare le proposte di delibera e la nostra presenza sarebbe stata utile solo ai fini del numero legale
Questo Sindaco e la sua giunta che accusano le minoranze di essere irresponsabili dimostrano , come sempre, di essere incapaci di amministrare questa città.

 

PS Il consiglio di questa mattina è stato rinviato a domani per mancanza del numero legale! Come volevasi dimostrare!

 

13076979_1060230124023735_8371717945740816140_n

 

 

CHI VUOLE UMILIARE IL NOSTRO MERCATO ORTOFRUTTICOLO?

Il 22 Febbraio scorso il M5S di Termini Imerese, per il tramite del portavoce in Consiglio Comunale Luca Salemi, ha chiesto all’Amministrazione chiarimenti e controlli sugli spazi assegnati presso il Mercato Ortofrutticolo ed Agroalimentare del Comune di Termini Imerese.
Dalle verifiche richieste dal Movimento, effettuate sul posto dalla Polizia Municipale, ben 6 box su 14 sono risultati sempre chiusi ed all’interno degli stessi non venivano svolte le attività previste dal relativo Regolamento Comunale.

La portavoce Manuela Sinatra commenta: “Oltre il 40% degli spazi disponibili, anche se regolarmente assegnati, non vengono utilizzati per gli scopi previsti dal Regolamento, vale a dire l’apertura al pubblico per la vendita all’ingrosso di prodotti agroalimentari. Chiediamo che venga disposta dall’Amministrazione Comunale la revoca delle concessioni per le quali non vengono svolte idonee attività e di avviare le procedure previste dal Regolamento per la riassegnazione ad altri soggetti interessati a svolgere attività di vendita all’ingrosso”.
Salemi afferma: “È davvero desolante che il Sindaco Burrafato, a parole, appaia sensibile alle opportunità di rilancio della filiera agro-alimentare del territorio, ma che non riesca a valorizzare il luogo dedicato alla vendita all’ingrosso dei relativi prodotti.
Con questa inattività si penalizzano soprattutto quei soggetti, oggi non presenti all’interno del Mercato, che potrebbero davvero rilanciare l’attività di vendita all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli ed agroalimentari.
La vera domanda che ci poniamo è: chi vuole umiliare il Mercato ortofrutticolo?
Perché i box vengono probabilmente utilizzati come magazzino per altre attività commerciali esterne al Mercato?
Il Sindaco (da oltre 7 anni) e la sua Giunta si sono mai accorti che un pezzo di storia di Termini Imerese sta morendo?”

12440727_10156853171975235_3253357251314828037_o