Monthly Archives: ottobre 2014

Nasce il Burrafato Bis : Presentata la nuova Giunta.

Premiazioni e approssimazioni

Ci eravamo lasciato più di un mese fa con tanti interrogativi dovuti alle improvvise dimissioni degli Assessori tecnici Cascino e Fasone e con “faide” interne alla maggioranza sul toto-assessori. All’indomani della presentazione della nuova Giunta da parte del primo cittadino gli interrogativi rimangono.
Un mese fa il Sindaco annunciava che le dimissioni dei due tecnici erano programmate in quanto la nuova giunta sarebbe stata espressione del voto popolare al fine di premiare chi “ci ha messo la faccia”; quindi gli assessori sarebbero stati nominati per “merito politico”. Con la presentazione della nuova Giunta il Sindaco Burrafato compie un mezzo passo indietro considerata in seno alla stessa la presenza di due tecnici.
Vincenzo Ingrassia, Donatella Battaglia, Paolo Cecchetti e Lelio Minasola, ecco i nuovi componenti della Giunta Municipale; i primi due sono tecnici , gli altri due sono espressione del “consenso popolare”.
Sui primi due poco da dire: Ingrassia viene presentato come esperto finanziario, revisore dei conti in diversi comuni; la seconda, riconfermata, il sindaco la definisce persona di fiducia.
Paolo Cecchetti, ex MPA e PD area Ferrandelli, oggi Megafono viene premiato per i voti portati alla causa burrafatiana in campagna elettorale con la delega al “Turismo, spettacolo e patrimonio”. Quali competenze abbia in materia non è dato sapere.
Lelio Minasola, da circa 20 anni in consiglio comunale, espressione storica della destra termitana (Forza Italia, AN etc) e fino allo scorso anno fieramente all’opposizione ( vi invitiamo ad andare a rivedere i video dei passati consigli comunali), viene premiato per il suo convintissimo salto nella compagine burrafatiana delle scorse elezioni e, da primo dei non eletti nella Lista Termini Insieme, si ritrova addirittura assessore con delega alla Vivibilità, villa e giardini (!?!?). Non c’è che dire: La coerenza politica paga sempre!!!!!!!
In merito alle deleghe una ulteriore considerazione: a nessuno dei neo assessori sono state attribuite le deleghe all’Ambiente e alle politiche sociali che ovviamente sono state trattenute dal Sindaco. Sono mesi che facciamo notare in Consiglio Comunale l’assenza di un assessore alle politiche sociali, soprattutto in un momentocosì difficle per la città, eppure ancora una volta il sindaco ha preferito non procedere ad alcuna nomina. Relativamente all’ambiente, i problemi di questa città sono sotto gli occhi di tutti, così come il ritardo o addirittura il mancato intervento del Sindaco per la risoluzione degli stessi. Anche in questo caso nessuna delega ai neo assessori. In compenso però il Sindaco manda un ringraziamento speciale all’ex Assessore Incudine “costretto ad operare in condizioni difficili”! Ma quando, considerato che non ha mai messo piede a Termini se non per il giuramento???
Questa Giunta si presenta lacunosa in partenza ed è a nostro avviso frutto di un maldestro tentativo di conciliazione tra tutte le forze politiche che hanno appoggiato il sindaco durante la scorsa campagna elettorale e che presentano già il conto: l’ex designato assessore Carmelo Militello è in rotta con la maggioranza, il PD, grande escluso nonostante sia il partito più votato a Termini Imerese, sembra pronto a chiedere le dimissioni del segretario cittadino Egiziano.
Così commenta Manuela Sinatra, Capogruppo consiliare del M5S a Termini Imerese:” Ho atteso di leggere le deleghe prima di esprimere un pensiero in merito alla nuova Giunta di governo della città o di quello che viene definito Burrafato bis..ter..Che dire? Sicuramente che il cosiddetto merito politico ha premiato chi fino a pochi mesi addietro tuonava dai banchi di opposizione e che non essendo riuscito a divenire Consigliere di maggioranza viene premiato con un “ruolo” ben più oneroso ovvero quello di Assessore. Per di più il Sindaco continua a mantenere due delle deleghe più importanti per questo territorio, soprattutto in questo periodo storico, e cioè le politiche sociali e l’ambiente. Durante i consigli comunali ho più volte chiesto a nome del Movimento 5 stelle che si designasse un assessore competente che potesse essere di supporto ai cittadini più bisognosi , all’infanzia e agli anziani. Proprio stamani , forse a seguito di tale mancanza si parla anche di una cabina di regia costituita da consiglieri di maggioranza. Non bastano le commissioni? Non bastano i due assistenti personali ? Di sicuro questa non è una giunta tecnica e mi sento davvero a disagio di fronte a tali scelte. Il turismo che è sempre stato punto fondamentale del nostro programma elettorale in quanto ritenuto un volano per la nostra economia in crisi, viene affidato come premio a chi ha portato 450 voti in campagna elettorale. Come esperienza il nuovo assessore può vantare di avere alle spalle 5 anni di consigliere comunale prima con l’ MPA poi con il PD di area ferrandelliana e adesso con il Megafono , quello stesso Megafono, però,da cui il Sindaco a causa della rottura con Crocetta per i noti fatti legati all’Interporto e alla ex Fiat comincia a prendere le distanze. Non credo di dovermi congratulare con questa giunta , non è momento di fair play politico , al contrario mi sento di augurare fortemente un grande in bocca al lupo ai miei concittadini. Spero per loro che le mie considerazioni possano essere sconfessate dal lavoro che verrà svolto dai 4 assessori Invece mi sento davvero di ringraziare sentitamente l’Assessore Incudine la cui presenza – assenza nella città sarà ricordata negli anni come uno dei momenti più bassi della politica termitana!”

logo_movimento

Bilancio previsione 2014 : il M5s abbandona l’aula

Questo bilancio di previsione approvato dal Consiglio è frutto di un’indecente gestione del rischio di sforamento di stabilità per l’anno 2013, di poste sovrastimate o del tutto improbabili, di previsioni di entrata straordinarie che non corrisponderanno all’incassato al 31/12/2014.
Il rischio di sforamento si ripropone anche per il 2014, qualora gli Uffici non riusciranno ad accertare quanto iscritto nel previsionale, con il rischio di dissesto finanziario di cui all’art. 244 del TUEL.
Abbiamo invitato i colleghi Consiglieri Comunali a prestare molta attenzione nell’approvare questo Bilancio di previsione.
Perché è si, un previsionale, ma ci sono poste di bilancio palesemente incongruenti.
Chi ha votato a favore si prenderà le responsabilità di aver avallato una illogicità che non avrà alcuna corrispondenza al consuntivo 2014 , ed in contrasto con i principi dettati dall’art. 162 comma 5 del TUEL che prescrive il “rispetto dei princìpi di veridicità ed attendibilità, sostenuti da analisi riferite ad un adeguato arco di tempo o, in mancanza, da altri idonei parametri di riferimento.” Nel nostro previsionale non sembrano essere, infatti, presenti tali caratteristiche.
Ricordiamo, inoltre, che questo previsionale è stato approvato senza la presenza di un Assessore al Bilancio, senza un Dirigente dell’Ufficio Ragioneria e con ritardo rispetto ai termini previsti dalla legge (30/09/2014).

Poniamo in evidenza i motivi che hanno determinato la nostra scelta di non partecipare al voto:
-Nell’anno 2013 è stato sforato, a nostro parere in modo consapevole e volontario, il patto di stabilità, con conseguenti sanzioni previste dall’art. 31, comma 26, della legge 183/2011; lo sforamento del patto provoca riflessi estremamente negativi sull’esercizio corrente.
-Nell’anno 2014 si corre il medesimo rischio, come da relazione dei Revisori dei conti.
-L’avanzo di amministrazione decantato da questa Amministrazione può derivare dall’accensione di prestiti (indebitamento) e lo stesso dovrà essere, comunque, impiegato per i debiti fuori bilancio potenziali (oltre 350.000 euro).
-Le anticipazioni di cassa sono a titolo oneroso e ci saranno interessi passivi per oltre 250.000 euro a carico della cittadinanza.
-La percentuale di entrate straordinarie previste, in base alle spese correnti è pari quasi al 5%, e che le stesse entrate straordinarie dovranno essere effettivamente accertate, al fine di evitare il dissesto finanziario di cui all’art. 244 del TUEL.
-Il patto di stabilità 2014 potrà essere rispettato, in base alle proiezioni dei Revisori dei conti, solo se si realizzeranno le entrate straordinarie previste e i fondi di riserva NON verranno utilizzati per finanziare la spesa corrente.
-Se gli spazi finanziari richiesti alla Regione Sicilia, per oltre 3.700.000,00 euro non verranno concessi, si dovranno bloccare i pagamenti a titolo II per garantire il rispetto dell’obiettivo pluriennale;
-L’IMU passa da 3 milioni a 4 milioni e 400 mila euro, con aggravio a carico della cittadinanza del carico fiscale e, nel computo totale, le entrate tributarie passano da 13 milioni e 800 mila euro a 18 milioni di euro, nella necessità di coprire le sanzioni ricevute a causa dello sforamento del patto nel 2013.
-Il piano finanziario TARI appare palesemente incongruo (come già da noi segnalato nell’apposito Consiglio Comunale), in quanto non richiama il dettaglio della provenienza delle voci di costo incluse, relative alla raccolta dei rifiuti ed in particolare delle componenti della differenziata, spazzamento delle strade ed altre tipologie di servizi, e la compilazione, probabilmente effettuata dagli Uffici Comunali, appare errata, con costi di accertamento e riscossione (CARC) superiori addirittura a quelli relativi al conferimento in discarica dell’indifferenziata. Lo stesso collegio dei revisori esorta gli Uffici a controllare le diverse componenti di costo, avvalorando le nostre perplessità sul Piano finanziari TARI. In caso di ricorsi sul Piano Finanziario, che a nostro parere verranno avviati appena arriveranno le relative bollette, potrebbe corrersi il rischio dello blocco della tassa, con perdita della relativa cifra iscritta in bilancio di €. 5.800.00,00 euro, con probabilità estrema di incorrere nelle procedure di cui all’art. 244 del TUEL, vale a dire dissesto finanziario.
-Come rilevato dal collegio dei revisori, lo stanziamento previsto per il contributo per permesso a costruire di €. 635.000,00 risulta palesemente irraggiungibile per l’anno 2014, in quanto alla data del 14/10/2014 sono stati incassate 375.900,00 euro. Essendo le suddette 635.000,00 euro destinate a spese di investimento, queste spese potranno essere attivate solo a seguito dell’eventuale riscossione delle entrate. Il dato non è dunque credibile e rappresenta una SOVRASTIMA che inficia la credibilità del bilancio di previsione;
-Esiste una voce di bilancio di previsione 2014 “proventi da servizio idrico integrato”, alla quale non corrisponde alcuna gestione diretta del servizio idrico. Chiudere un previsionale 2014, a Ottobre 2014, con l’impossibilità di assumere addetti per la gestione in house del servizio idrico, essendo questa una delle sanzioni dello sforamento del patto, ed iscrivere nel previsionale 350.00,00 di euro come proventi da gestione dirette, sembra oggettivamente una fantasia, persino se, come afferma il Sindaco, sono stati previsti i relativi costi di gestione.

Gruppo Consiliare M5S Termini Imerese

logo_movimento

Acqua inquinata a Termini Imerese

Emessa ordinanza del terzo settore – Lavori pubblici e manutenzioni, relativa ad un’importante situazione di inquinamento dell’acqua nelle zone comprese tra Via Cervo, Via Stesicoro, Via A. Diaz, Via Ospedale Civico e Via della Guardia a Termini Imerese.
Le acque erogate presentano altissimo grado di torbidità di colorazione tendente al nero.
L’ordinanza prevedeva l’immediato avviso con mezzi fonici, cartacei ed ogni altro mezzo ritenuto idoneo, circa i limiti di utilizzo dell’acqua erogata.
Nell’ordinanza è prevista la pubblicazione sul sito del Comune, ma non c’è nulla! Nemmeno nella sezione del terzo settore!
Nella giornata di ieri – dichiara Manuela Sinatra – durante la dimostrazione del compostaggio domestico, nel solito banchetto domenicale, si sono avvicinati diversi cittadini che ci hanno segnalato che in alcune vie di Termini Imerese l’acqua sarebbe inquinata. Stamattina mi sono precipitata presso gli uffici comunali e ho appurato che il problema dell’acqua inquinata esiste! Addirittura vi è un’ordinanza del terzo settore che prevede immediato avviso con mezzi fonici, cartacei ed ogni altro mezzo,ma ad oggi nessuno ne ha saputo nulla!!! Sono coinvolte precisamente VIA DIAZ, VIA CERVO , VIA OSPEDALE CIVICO E VIA DELLA GUARDIA. I cittadini non devono assolutamente ingerire acqua proveniente dai rubinetti poichè NON E’ POTABILE.”
Vi chiediamo di condividere il più possibile questo messaggio al fine di informare chiunque abiti nelle zone interessate.
Grazie!

10703992_10204713745030816_424322980052222699_n 10703704_10204713746510853_5040553622344582618_n

COMPOST DAY – 12 ottobre 2014

COMPOSTIAMOCI BENE
A seguito dell’approvazione nel regolamento TARI ( tassa sui rifiuti) dell’emendamento sul compostaggio domestico e del relativo sgravio del 30% sulla citata tassa, il M5S di Termini Imerese organizza una giornata dedicata al compostaggio domestico per il prossimo 12 ottobre. Sarà un’occasione per passare dalla teoria alla pratica con una dimostrazione tenuta dagli attivisti e simpatizzanti del muovitermini sulle modalità di realizzazione della compostiera sia da giardino che da balcone.
L’umido rappresenta il 40 % dei nostri “rifiuti” – osserva la Consigliera Sinatra – ed è causa di percolato e biogas se conferito in discarica. Se invece viene gestito nell’ambito del nucleo familiare può diventare dell’ottimo terriccio fertile per i fiori e perché no anche per un orto casalingo, oltre a rappresentare un risparmio economico impressionante per i comuni e soprattutto per i cittadini, grazie al nostro emendamento”. “Viviamo in perenne emergenza rifiuti – prosegue la Consigliera Eleonora Corpora – emergenza spesso dovuta ad una mancanza di pianificazione, ad una miopia politica che ha fatto diventare l’emergenza una vera e propria bomba ad orologeria. La formazione sul compostaggio, rivolta a tutti i cittadini, è un primo fondamentale passo per ridurre questa situazione di emergenza”.
Il compost day prevede due banchetti: il primo dalle 10 alle 13 alla Villa Palmeri; il secondo a Piazza Duomo dalle 17 alle 20. Nel corso di entrambi i banchetti sono previste due dimostrazioni pratiche per la realizzazione delle compostiere.

10630696_10204826377839834_2085313916986059444_o

Sforati i termini per l’approvazione del bilancio di previsione. M5s protocolla richiesta commissariamento.

Ennesimo atto di inadeguatezza dell’amministrazione comunale
Questa mattina le nostre portavoce Manuela Sinatra e Eleonora Corpora hanno consegnato al protocollo del Comune di Termini Imerese la richiesta ufficiale di avvio delle procedure di commissariamento a causa della mancata approvazione del Bilancio di previsione dell’Ente, che doveva essere effettuata dal Consiglio Comunale entro il 30 Settembre e trasmessa all’Assessorato Autonomie Locali entro la suddetta data.
La stessa nota viene indirizzata anche all’Assessorato alle Autonomie Locali per avviare le procedure di competenza, ai sensi dell’art. 109/bis dell’Ordinamento Regionale Enti Locali.

Nella foto l’atto protocollato
10721142_10204610669053981_1322947818_n