Monthly Archives: aprile 2014

Termini Imerese: in fumo milioni di Euro!!!

Vi ricordate la nostra interrogazione scritta del 28 ottobre 2013 presentata tramite il nostro portavoce Riccardo Nuti( http://dati.camera.it/ocd/page/aic.rdf/aic4_02313_17), e la mozione presentata anche all’Ars tramite Giorgio Ciaccio ? Vi invito a leggere con molta attenzione l’articolo! Ancora una volta assistiamo a un caso di mala politica che ci coinvolge direttamente!!! Scelte scellerate che mettono in ginocchio una intera città! Gli accordi di programma vanno discussi e decisi con i cittadini, non da 4 “amici” che si riuniscono attorno a un tavolo!
Il 25 maggio, attraverso il Vostro voto, potrete esercitare un potete enorme, Aiutateci a cambiare volto a questa città!!!

Vi invitiamo a leggere l’articolo di cui al seguente link

http://www.palermo5stelle.it/2014/04/24/termini-imerese-m5s-si-torna-al-punto-di-partenza-fumo-milioni-di-euro-e-progetti-alto-mare-per-il-via-ci-vorranno-anni/

Pensieri di un libero cittadino

TOTO’ BURRAFATO UN SINDACO IN CHIUSURA

(Incontro a Radio Panorama con il Sindaco uscente).

Pochi contenuti, discorsi in politichese e salti mortali dialettici che onorano il mitico Conte Mascetti. Il tutto condito da una totale inconsapevolezza di ciò che si è “fatto” e di ciò che si dovrà fare per questa Nostra Termini. Questo è quello che ne è venuto fuori ieri sera dall’intervista fatta al sindaco uscente Salvatore (Totò) Burrafato. E’ interessante analizzare le risposte date ieri sera e confrontarle con quello che era il suo programma 2009-2014. In questo modo ci si renderà conto del suo totale distacco dalla realtà locale e totale distacco da ciò che si è promesso in campagna elettorale e ciò che poi non si è fatto.

Tra le tante domande arrivate da casa c’era quella di un ascoltatore che ha chiesto:
“Come risolvere la microcriminalità sempre più in aumento nel territorio?”.
Salvatore Burrafato risponde che devono essere le forze dell’ordine ad organizzarsi in tal senso e che spera di riuscire finalmente a concretizzare questo impianto di video sorveglianza in alcune parti della città per garantire più sicurezza.
Riporto qui i primi tre punti della sezione E del programma 2009-2014 di Burrafato che dicono:

“Promuovere un tavolo permanente di coordinamento con le forze di polizia del territorio, per assicurare sicurezza ai cittadini, dando piena attuazione ai poteri conferiti al Sindaco dal “pacchetto-sicurezza” del Governo.
• Istituire il Vigile di quartiere, che superi la logica dell’attività di repressione, e che si focalizzi sulle funzioni preventive e di sensibilizzazione al rispetto del codice della strada, delle ordinanze sindacali e del bene comune. Dedicare a tal fine un’attenzione particolare alla formazione del Corpo di Polizia Municipale
• Lavorare ad un sistema di videosorveglianza per i punti sensibili della città, capace di individuare i responsabili di eventuali atti criminosi”.

Insomma passano i mandati ma le cose da fare rimangono! Però intanto il nostro sindaco uscente continua a dire che sta ultimando ciò per cui in questi 5 anni hanno lavorato insieme al consiglio comunale e gli assessori! Quindi chiede la Nostra fiducia per permettergli di raccogliere ciò che in questi 5 anni hanno seminato!

Altra domanda, questa volta sul Carnevale di Termini Imerese.
Alla domanda, con introduzione ad essa, che riportava un punto del programma 2009-2014, Burrafato risponde dicendo che la parte iniziale della domanda era senz’altro condivisibile……certo! Era un punto nel tuo programma!! Quanto meno per lui era condivisibile va, poi l’attuabilità e la sua realizzazione sono un dettaglio. Un uomo il quale ha promosso il suo programma in campagna elettorale facendo delle promesse ai cittadini dovrebbe quanto meno conoscerlo questo programma, non dico a memoria, ma quanto meno i punti generali.
Nella fattispecie la domanda riguardava il Carnevale di Termini Imerese e iniziava con il punto del programma: “Consolidare la tradizione del Carnevale Termitano con una più attenta programmazione dei tempi di realizzazione dei carri al fine di consentire migliori risultati, ripensando il carnevale quale opportunità culturale fatta di Musica, teatro, folklore ed eventi lungo tutto l’arco dell’anno,con la piena partecipazione delle Associazioni del territorio; ovviamente, la realizzazione della Scuola di Cartapesta e l’istituzione della Fondazione del Carnevale appaiono come una premessa fondamentale affinché il Carnevale sia rivalutato” per poi completare nella domanda logica che era: “perchè la gestione è stata affidata ad una ditta privata?”

La risposta data lascia sinceramente un pò insoddisfatti. Dopo una chiara incertezza iniziale in cui esordisce come ho detto sopra con: “la prima parte della domanda è condivisibilissima….”, il candidato a sindaco o sindaco uscente Burrafato viene preso in contro piede e cerca di dare una risposta. Tra qualche piccola incertezza si arriva poi alla conclusione e dice che vista l’aria che tirava in quel periodo per le indagini messe in atto dal tribunale nei confronti di quelle realtà che avevano organizzato il carnevale in passato, l’amministrazione ha deciso di cambiare totalmente. Ma scusate, e qui mi pongo un’altra domanda anzi altre due. Ma a Termini Imerese gente onesta in grado di organizzare e gestire il carnevale non ce n’erano? Dovevamo affidarci per forza a FeedBack e regalare i nostri soldi a ditte non di Termini come i circa 3.500 euro dati a una ditta di Messina che serviva a gestire un numero verde per la città? Ma la cosa bellissima e fenomenale è che Burrafato elogia FeedBack perchè grazie a loro hanno imparato cose nuove che adesso hanno messo in atto! Siamo al delirio ragazzi. Come se a Termini non avevamo e non abbiamo risorse che sanno organizzare eventi.
Negli ultimi 50 anni come si è organizzato il carnevale? Gente come Casamento, o Cimino, le prime che mi vengono in mente. Gente nuova come Saverio che è un vulcano di creatività. Ma cavolo basta scendere per strada e parlare con i tuoi concittadini per scoprire le risorse. Basta ogni tanto imbattersi in alcuni profili di facebook per scoprire che dietro quella o quell’altra persona c’è un mondo fatto di creatività e idee potenzialmente realizzabili ed utili per Termini ed i Termitani.

Ma no, la politica portata avanti da Salvatore Burrafato in questi anni è stata di totale disattenzione nei confronti della cittadinanza, dei cittadini individualmente e della città in quanto perla naturale del mediterraneo. Adesso mi viene a parlare di acquario a distanza di pochi mesi dalle elezioni? Avrei voluto chiedergli “ma c’è un punto del suo programma 2009-2014 che ha avuto una continuità nel tempo o uno che è stato pienamente realizzato?” e poi “ma pensa che anche quest’anno riuscirà a prendere in giro i Termitani che ragionano senza le vecchie logiche di politica locale?” Purtroppo a quanto pare queste domande non erano fattibili, anche se legittime, visto che basta prendersi il programma di Burrafato 2009-2014 scaricabile su internet e confrontarlo con la realtà. A parte tutte le belle parole, scritte in italiano corretto, poi concretamente non c’è nulla!

Sorvolo sulla domanda fatta sul campo sportivo Crisone in abbandono e sulla successiva risposta che ha mandato inizialmente in confusione il sindaco uscente Burrafato che poi si è “ripreso” dicendo che questo è il massimo che hanno potuto fare con i pochi soldi stanziati e che comunque in questi anni sono riusciti ad avere l’agibilità per il palazzetto dello sport. Vero. Nel programma c’era questo punto. Era riportato in neretto perchè era stato promesso agli elettori di realizzarlo nei primi 100 giorni di mandato. Il palazzetto è stato aperto il 12 novembre 2010 in buona sostanza circa un anno e mezzo dopo le elezioni!

In conclusione ribadisco quello che sto scrivendo da un pò di tempo a questa parte: “spero che a queste elezioni vinca il Comune di Termini Imerese e tutti i suoi cittadini.” Mi auguro davvero che continui questa tendenza da parte dei candidati a sindaco di non usare tattiche scorrette ma di parlare di argomenti e contenuti, senza cercare di denigrare l’avversario per apparire più puliti e votabili. Anche da parte del sindaco uscente Burrafato ho visto questa forma di comportamento e l’ho apprezzata. Spero che tutti gli altri facciano lo stesso. Sono i contenuti quelli che contano. Il riscontro fra le promesse inserite nei programmi e ciò che poi si è fatto nel concreto. Non ci possono essere scuse, o se ci sono, perchè gli imprevisti possono capitare, vanno spiegati nel dettaglio.

Non sono solo io a pensarla così. Anche queste buone intenzioni erano nel programma 2009-2014 di Burrafato e la sua coalizione. Riporto i due punti:

“Costituire la rete civica imerese, sotto forma di portale web dove trovino spazio le varie categorie produttive, le realtà associative, i singoli cittadini, nell’ottica di fornire uno strumento di informazione alla cittadinanza 24 ore su 24 su tutto quello che agisce sul territorio, prevedendo specifiche pagine di contenuti, complete, puntuali e precise. Consentire attraverso un facile clik di poter esprimere le proprie opinioni sulle scelte pubbliche del momento, lanciando anche sondaggi on-line e forum tematici

• Dare “voce” ai singoli cittadini, promuovendo incontri mensili fra Sindaco-Giunta-Dirigenti Comunali e cittadinanza, e distribuendo un foglio informativo sull’attività amministrativa, in formato cartaceo ed elettronico, con cadenza anch’esso mensile. A tal fine il Sindaco individuerà un apposito staff, esperto in attività di comunicazione.

Se qualcuno mi sa indicare i link dove poter interagire e trovare tutto nel dettaglio lo ringrazio. Così come non ho mai sentito promozioni su incontri mensili fra Sindaco-Giunta-Dirigenti Comunali e cittadinanza, per non parlare poi dei fogli informativi sull’attività amministrativa. Forse ero già fuori dall’Italia quando li distribuivano!

Nessun attacco personale nei confronti di Salvatore Burrafato ma è chiaramente giunto il momento di voltare pagina. Politicamente chi non rispetta le promesse pubbliche non merita la riconferma. Purtroppo molti dei punti del programma sono stati disattesi, pertanto questa amministrazione dovrebbe con umiltà mettersi da parte e se proprio volenterosa mettersi al servizio della nuova amministrazione che verrà. Qualsiasi risorsa buone e utile per la città ed i cittadini va usata e credo che consiglieri comunali bravi, con delle belle idee e con sensibilità nei confronti del territorio, dei cittadini e dei suoi bisogni ci siano nell’amministrazione Burrafato. Purtroppo però il loro lavoro spesso è stato oscurato e non capisco il perchè!?!?

Qui non importa cosa si ha intenzione di fare, qui è importante farle le cose. Se non si possono fare spiegare il perchè. Trovare soluzioni. Anche insieme se è il caso. Altrimenti a che cavolo serve vivere in una cittadina in cui ci salutiamo tutti e in cui per la maggiore i clacson suonano per dire “ciao” e non per uno che ritarda al semaforo, se poi per le cose utili non ci mettiamo insieme?!

A Termini Imerese ed a tutti quei termitani che hanno il coraggio e l’orgoglio di dire NO ai patti, alle promesse personali, ai sotterfugi e alla disonestà intellattuale posta in essere da certi individui. A tutti Voi dico. Ce la possiamo fare. Non importa chi votate, importante è con quale spirito votate quelle persone. Se per un ritorno personale e basta o per un ritorno civico comune. E poi, quella persona che votate. Vuole fare il politico per un suo ritorno personale o di pochi, o per il bene comune come è giusto che sia? Non importa chi votate, l’importante è votare bene, con coscienza e responsabilità civile.

Vinciamo Noi.

Carlo Testa

Scelta scrutatori: noi la pensiamo così

Il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese presenterà un’istanza al sindaco per chiedere che il Comune adotti la condizione di disoccupazione come requisito ulteriore per la nomina degli scrutatori, oltre a quelli già previsti dalla legislazione vigente.
L’attuale crisi economica ed occupazionale ha investito in modo drammatico il nostro territorio ed i cittadini di Termini. Le istituzioni locali dovrebbero rivolgere nei confronti delle categorie disagiate tutte le attenzioni possibili per scongiurare, ove possibile, notevoli sofferenze di natura economica e sociale. Proprio per questo motivo richiediamo che ad esser scelti debbano essere i disoccupati termitani. Il suggerimento che pensiamo possa aiutare questa scelta è che venga effettuato un sorteggio integrale tra gli iscritti all’elenco delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale e che si inviti i sorteggiati a lasciar il posto a dei disoccupati qualora il caso il sorteggiato non lo fosse. Crediamo fermamente che l’opzione di scegliere gli scrutatori apra ad un possibile voto di scambio. Cosa che noi non vogliamo e combatteremo sempre

Perchè sei in movimento

Abbiamo realizzato questo video insieme ai cittadini di Termini Imerese, buona visione.

Aggiornamento Percolato – Esito accesso agli atti

In data 17 dicembre quattro nostri rappresentanti su invito del Presidente della IV Commissione ‘Ambiente e Territorio’ O.C. Giampiero Trizzino hanno partecipato all’Audizione relativa allo stato di contaminazione ambientale causato dagli impianti della Profineco S.p.A. nel comune di Termini Imerese (PA).
A seguito dell’incontro, secondo quanto stabilito, l’Onorevole Trizzino ha presentato delle istanze di accesso agli atti che alla data odierna non hanno avuto riscontro nei termini previsti dalla legge, ad eccezione di quella presentata all’Assessorato Regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità – Dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti (rappresentiamo che tra coloro che non hanno dato riscontro vi è anche il Comune di Termini Imerese, pag. 5 dell’allegato).
Vi informiamo pertanto che la battaglia proseguirà nelle sedi opportune secondo quanto previsto dalla legge.

Scarica Allegato Aggiornamento Percolato

BANDO DI SELEZIONE ASSESSORI

Il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese desidera indicare un nuovo modo di proporre e successivamente di scegliere gli assessori per la squadra di governo della città; una selezione per “bando pubblico”, una selezione basata sulla meritocrazia in cui i requisiti fondamentali per i partecipanti sono: bene della città, competenza ed indipendenza.

La selezione tra i papabili assessori, non necessariamente attivisti e/o iscritti al MoVimento 5 Stelle, ma che dimostrino piena adesione al programma e reale volontà di realizzarlo, avverrà in base ai loro curricula ed alla loro competenza specifica.
I curricula potranno essere inviati all’indirizzo mail muovitermini@gmail.com
Tutti coloro i quali ritengono di avere le competenze necessarie per ricoprire il ruolo di assessore comunale dovranno inviare il proprio curriculum corredato di lettera di presentazione avente come oggetto “Candidatura ad Assessorato : [Nome Assessorato] scegliendo tra:
1 Ambiente -Viabilità -Urbanistica- Lavori Pubblici
2 Turismo- Cultura- Spettacolo
3 Politiche Sociali –Scuola- Sport
4 Bilancio – Attività Produttive -Patrimonio 
Il Meetup di Termini Imerese si riserva di modificare la distribuzione delle deleghe degli assessori fino alla effettiva assegnazione. Non è possibile inviare candidature per più di un assessorato.
Il bando è aperto a tutti i maggiorenni. Avranno la preferenza le candidature di persone residenti nella città di Termini Imerese. Ogni curriculum inviato deve essere necessariamente accompagnato da una lettera di presentazione che includa:
1) Dichiarazione di non avere condanne penali o carichi pendenti (avverrà comunque una verifica in un secondo momento) e di non essere attualmente iscritto ad altri movimenti e/o partiti politici.
2) Dichiarazione da cui si evince per quale assessorato ci si propone (vedi elenco sopra) .
3) Eventuali ruoli politici svolti in passato (anche di semplice candidatura o di organizzazione interna) per un qualsiasi movimento politico, partito o lista civica.
4) Eventuali precedenti iscrizioni a partiti .
Tutti i cittadini che presenteranno domanda di disponibilità valida saranno ammessi, e la eventuale comunicazione di convocazione per il colloquio avverrà tramite email . Il candidato nel giorno prefissato dovrà produrre tutta la documentazione in originale dichiarata nella domanda di candidatura, pena esclusione, e con la commissione ed il candidato portavoce sindaco sosterrà il colloquio che verterà principalmente su considerazioni per l’attuazione del nostro programma elettorale, mostrato al candidato in sede di colloquio.
Vista la legge elettorale che impone la scelta del nome di due assessori entro il termine della presentazione delle liste ci riserviamo la possibilità di nominare temporaneamente due nostri attivisti onde evitare scelte affrettate dettate dalla tempistica legislativa.

LIBERI CONSORZI O CITTA’ METROPOLITANE?

Una scelta importante per la nostra Città

La Legge n. 8 del 24/03/2014 istituisce i liberi Consorzi (che in sede di prima applicazione coincidono con le nove Province Regionali) e le Città Metropolitane (che in sede di prima applicazione coincidono a quelle delineate dal D.P.R. 10/08/1995), a seguito dell’abolizione al fine di razionalizzare l’erogazione dei servizi al cittadino e conseguire riduzioni dei costi della Pubblica Amministrazione.

Termini Imerese rientra nell’Area Metropolitana di Palermo.

Entro sei mesi i Comuni compresi nelle Aree Metropolitane, attraverso deliberazione del consiglio comunale a maggioranza assoluta dei componenti, potranno distaccarsi dalla Città Metropolitana per aderire al libero Consorzio di appartenenza, a condizione che esista continuità territoriale.

Il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese, coerentemente con proprie linee programmatiche di riqualificazione del territorio, reputa attualmente opportuna l’adesione del Comune di Termini Imerese ad un libero Consorzio che si contestualizzi attorno al Parco Naturale delle Madonie.

A breve organizzeremo un evento sull’argomento con i nostri portavoce all’ARS, Vi faremo sapere.

porto-di-termini-imerese

Aperitivo a 5 Stelle

Incontro con Luigi Sunseri e gli attivisti del Movimento 5 Stelle Termini Imerese.

Il Movimento 5 stelle ha il piacere di invitare i propri concittadini all’aperitivo che si terrà il 9 aprile dalle ore 19,30 presso il Chioschetto di Fabrizio Vanoli, sito in Via Mazziere (di fronte la scuola media Tisia d’Imera).

Saranno presenti il candidato a sindaco Luigi Sunseri e gli attivisti del Movimento 5 Stelle Termitano i quali saranno a disposizione dei cittadini per rispondere alle loro domande e per confrontarsi sui temi della prossima campagna elettorale.

Non mancate!!

Ricordiamo che a seguire ( ore 21,30) è prevista la consueta assemblea settimanale presso la sede elettorale del Movimento sita in via Garibaldi 32.

Aperitivo a 5 stelle

Supporta la nostra campagna elettorale

Ormai tutti sanno che il M5S rifiuta i rimborsi elettorali. Al contrario di quanto dicono i partiti, una politica senza soldi pubblici è possibile e lo stiamo dimostrando in questi giorni di campagna elettorale nella nostra città. Alla data odierna le spese sostenute dagli attivisti del Movimento 5 Stelle Termini Imerese sono frutto delle Vostre spontanee donazioni presso  i nostri banchetti.

Tuttavia, le donazioni ai banchetti non sono più sufficienti per sostenere con rapidità i crescenti costi da sostenere nei prossimi giorni, pertanto abbiamo deciso di aprire una Postepay (n. 4023600652103443) intestata al nostro candidato a sindaco Luigi Sunseri, per agevolare la raccolta dei Vostri contributi.

Ovviamente la raccolta dei fondi sarà totalmente trasparente in quanto i movimenti saranno regolarmente rendicontati sul nostro sito.

Ringraziamo anticipatamente i nostri sostenitori per i futuri contributi.

Postepay:

Intestatario: Luigi Sunseri

n. carta :4023600652103443

C.F. SNSLGU85L30G273K

http://www.postepay.it/come_ricaricare_pp.html

logo_movimento

 

 

Luigi Sunseri incontra i pescatori di Termini Imerese

C’è una politica che incontra la gente, crede negli ideali, cerca di affrontare i problemi reali per trovarne la soluzione.

Rendiamo noto che Domenica 6 aprile, alle ore 10,30, in Piazza Marina, il nostro portavoce candidato a Sindaco Luigi Sunseri incontrerà gli operatori della Pesca di Termini Imerese per ascoltare direttamente dalla loro voce i problemi legati al territorio e prospettare possibili soluzioni.

pesca