Monthly Archives: febbraio 2014

Nuove armi in difesa dell’ambiente!

La Camera approva la proposta di legge sui nuovi reati ambientali e per la prima volta viene creato uno specifico titolo nel codice penale.

E’ una vera conquista nella lotta a difesa dell’ambiente, perché la legge italiana è una delle poche a non avere ancora una disciplina organica, trovando spazio in parte nel codice penale e in parte in numerose altre fonti (T.U. 380/2001, D.lgs. 42/2004, T.U. 152/2006, ecc…). Tutto ciò a danno della intelligibilità e del coordinamento delle norme.

Il testo licenziato dalla Camera vede il contributo di tre progetti di legge, uno dei quali a firma #M5S e si propone di creare un nuovo titolo nel codice penale (il VI bis del libro II) specificatemene destinato ai reati ambientali, all’interno del quale confluiranno le fattispecie di inquinamento ambientale (art. 452 bis); disastro ambientale (art. 452 ter); traffico o abbandono di materiale radioattivo (art. 452 quinquies); impedimento al controllo ambientale (art. 452 sexies). Per i primi due è anche prevista l’ipotesi del reato colposo (art. 452 quater).

Il testo prevede, inoltre, circostanze aggravanti, attenuanti e la confisca delle cose che hanno costituito il prodotto o il profitto del reato. Particolarmente incisivo è l’obbligo del ripristino dello status quo ante (art. 452 decies).

Infine, interessanti novità vengono introdotte anche per alcuni reati già previsti dal Codice dell’ambiente, nonché in materia di procedimento penale.

1925352_436946469773536_572575688_n

Comunicato politico n.1

Il movimento cinque stelle è nato con l’obiettivo di realizzare un efficiente e efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo quindi alla totalità dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo attualmente attribuito a pochi. Il movimento nasce, pertanto, in totale contrapposizione rispetto agli attuali partiti, non più espressione della collettività, ma che anzi impongono ai cittadini decisioni verticistiche assunte nelle segreterie di partito e che privilegiano solo l’interesse di pochi.
In questo contesto, l’ obiettivo del movimento non può essere che quello di sradicare e cambiare il sistema, senza negare il confronto e il supporto su singoli atti e/o provvedimenti provenienti da altre forze politiche, e senza alleanze che possano costituire elementi di compromessi e ricatti.
Ci duole constatare però che 2 nostri portavoce al Senato, Francesco Campanella e Fabrizio Bocchino, non hanno ben chiaro il concetto sopra espresso. Le loro continue critiche sulla democraticità del movimento, volte a spaccare la base e a creare una propria corrente, e, soprattutto, le aperture nei confronti degli altri partiti, ledono gravemente l’operato e l’unità d’intenti del M5S. Pertanto il MU di Termini imerese – MuoViTermini, prende le distanze dalle dichiarazioni e dalle posizioni dei 2 senatori, ritenendo che sia venuto meno il rapporto di fiducia. Ci preme fare sapere che questa decisione è stata presa in assemblea dal MU MuoViTermini e, soprattutto,dopo avere atteso invano il Senatore Campanella, il quale non ha mai varcato la porta della nostra sede per un confronto da lui stesso richiesto. Evidenziamo al contempo che ci sentiamo orgogliosi e fieri del comportamento tenuto in questi mesi dai nostri portavoce eletti all’Assemblea Regionale Siciliana e alla Camera dei Deputati e a loro riconfermiamo tutto il nostro appoggio e la nostra fiducia.

Movimento 5 stelle Termini Imerese – MuoViTermini

1616573_10202786447889592_522311004_a

Banchetto Question day: idee per il futuro della città

Anche questa domenica saremo presenti sul territorio per un confronto con i cittadini. Vi aspettiamo domenica 23 febbraio presso la Villa Palmeri dalle ore 10 e 30 con un banchetto per raccogliere idee e suggerimenti per la stesura del programma in vista delle prossime elezioni comunali.

Riprendi in mano il tuo futuro, partecipa!!!

1794542_289603994525568_676904592_n

 

Banchetto “Scriviamo il nostro Programma”

Domenica 16 febbraio saremo presenti in Piazza Duomo dalle ore 10 e 30 con un banchetto per raccogliere idee e suggerimenti per la stesura del programma in vista delle prossime elezioni comunali.

Riprendi in mano il tuo futuro, partecipa!!!

1000996_546784765368276_352362255_n

ParlamenTour a 5 stelle : un caloroso grazie

Ci piace iniziare questo spazio internet, che avremo il piacere di condividere, ringraziando inizialmente i deputati 5 stelle (Nuti, Di Vita, Di Benedetto, Ciaccio, Mannino, Santangelo, Di Maio, Di Battista) per la loro partecipazione, nonché la grande competenza dimostrata e la chiarezza di esposizione in merito alle attività svolte e ai problemi nazionali.

Ringraziamo le ditte che hanno avuto il piacere di fornire gratuitamente le locandine e la grande quantità di volantini, nonchè quelle che ci hanno fornito il supporto tecnico per la realizzazione della manifestazione.
Ringraziamo i cittadini che hanno avuto il piacere di partecipare in gran numero e ci scusiamo con i tanti che non hanno trovato un posto a sedere.
Ringraziamo contestualmente quanti avrebbero voluto partecipare ma che per mille motivi non ne hanno avuto l’opportunità.

1896998_653048528075232_1875724616_n

Un grazie a tutti gli attivisti del MuoviTermini che, con i contributi più disparati, hanno reso possibile l’evento.

Grazie agli attivisti del MU di Palermo – Il grillo di Palermo per averci coinvolto e supportato nell’organizzazione di questo magnifico evento e in particolare un ringraziamento va a Riccardo Nuti per avere mantenuto una promessa fatta mesi fa.

Grazie agli attivisti del Mu di Bagheria – Il grillo di Bagheria, nonchè al portavoce all’Ars Salvatore Siragusa, per avere realizzato questo stupendo sito.

Grazie a tutti i citati contributi Vi informiamo che il costo vivo sostenuto è stato inferiore a 100,00 Euro e che lo stesso è stato abbondantemente rimborsato grazie alle vostre offerte (il movimento si auto finanzia);  tali somme ci consentiranno di pianificare prossimi eventi.

1560643_10202182363353867_1

Ricordando che la sede del MuoViTermini M5S è in via Mazzini 7, presso la quale contiamo di accogliervi nei giorni programmati, rammentiamo a quanti hanno idee e contributi per lo sviluppo-gestione della città di Termini Imerese, di continuare il lavoro di scrittura del programma iniziato presso i banchetti, regolarmente autorizzati, nei mesi scorsi.

1920048_653057404741011_946563347_n

 

Decreto IMU – Bankitalia: quello che molti giornali non dicono

Mercoledì 29 Gennaio alla Camera il governo tenta di far passare il Decreto IMU, ma il M5S si oppone, perchè?

In realtà dentro questo decreto oltre all’abolizione della seconda rata dell’IMU, troviamo un provvedimento che “regala” 7 miliardi e mezzo alle banche private. Come è noto, la Banca d’Italia, pur essendo un ente Pubblico, non è di proprietà pubblica, ma di un board di azionisti privati che grazie a questo decreto hanno visto rivalutate le loro quote azionarie da 156mila euro a 7,5 miliardi di euro. Nulla di male, se non fosse che questo aumento di capitale non è a carico dei soci azionisti (come dovrebbe avvenire in una società privata), ma a carico delle riserve dell’istituto di via Nazionale, ovvero di riserve pubbliche.

Ne consegue che gli azionisti principali non sborsano un euro e si trovano invece ingenti somme in attivo.

I deputati del Movimento 5 Stelle facendo opposizione costruttiva, hanno proposto di differenziare la questione dell’IMU dal finanziamento-vergogna. La proposta è stata rispedita al mittente e il M5S, pur di opporsi a questa vergogna inizia un (c)ostruzionismo, in modo da guadagnare tempo e far decadere il decreto.

A poche ore dalla scandenza del decreto la Boldrini compie un’azione senza precedenti nella democrazia italiana: mette il bavaglio all’opposizione, non permette più interventi e passa direttamente al voto, minacciando di applicare questo metodo su tutti i prossimi decreti: la Boldrini adotta la “ghigliottina”.

L’istituto della ghigliottina è previsto soltanto al Senato, normato dagli art. 78 Comma 5 e art. 55 Comma 5 del regolamento. Non è invece previsto in quello della Camera, pertanto questo gesto si trasforma in un atto d’arbitrio. Non a caso, non si è mai verificato che un presidente della Camera ne facesse uso. La presidenza della Camera non ha nessun obbligo verso le esigenze, le priorità o i pasticci del governo. Quindi resta da chiedersi, questo atto ha legittimità istituzionale?

In seguito a questa decisione i deputati del M5S scendono dai banchi del parlamento con le mani alzate e tentano di occupare simbolicamente gli scranni del governo, esponendo striscioni e mettendosi dei bavagli. Nella confusione, una deputata del M5S, Loredana Lupo, viene picchiata in volto e spinta con forza da un questore, Stefano Dambruoso.

Nel frattempo il resto della maggioranza composta da quasi tutti gli altri partiti presenti in parlamento approva la legge-vergogna cantando “Bella Ciao!”.

ParlamenTour – Confronto con i portavoce

Il Movimento 5 stelle Muovitermini invita la cittadinanza tutta a partecipare all’evento del 9 febbraio 2014 che si terrà presso l’aula consiliare in via Garibaldi alle ore 16.00.

All’incontro interverranno i cittadini portavoce alla camera : Chiara Di Benedetto,  Loredana Lupo, Giulia Di Vita, Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Riccardo Nuti, i  cittadini portavoce al Senato Barbara Lezzi e Maurizio Santangelo,  il cittadino portavoce all’ ARS Giorgio Ciaccio.